[ad_1]

LA CANNABIS INQUINA NON SOLO IL CERVELLOCOLTIVARE PIANTINE DI MARIJUANA INQUINA 40 VOLTE DI PIÙ CHE UNA PARI QUANTITÀ DI LATTUGA: LO RIVELA “POLITICO” CHE SOTTOLINEA COME LA CANNABIS SIA COLTIVATA CON APPARATI D’ILLUMINAZIONE CHE CONSUMANO 2000 WATT DI ELETTRICITÀ PER METRO QUADRO – E COSÌ L’ENERGIA PER LA PRODUZIONE DI UN GRAMMO È PARI A QUELLA CONSUMATA DA UN’AUTO ELETTRICA IN UN 32 CHILOMETRI – UN BEL CORTO CIRCUITO PER LA SINISTRA “LIBERAL” PALADINA DEL “GREEN”…

Mirko Molteni per “Libero quotidiano”

 

coltivazione marijuana 2 coltivazione marijuana 2

Per la sinistra “liberal” paladina del “green” e anche della liberalizzazione della marijuana si prospetta un corto circuito. A dispetto degli obiettivi di azzeramento delle emissioni, una recente inchiesta mostra che coltivare piantine di cannabis inquina in termini di sprechi energetici, 40 volte più che una pari quantità di lattuga.

 

Lo rivela la testata statunitense Politico. La crescente apertura alle droghe leggere, in ormai 37 Stati degli Usa, ha fatto sì che l’80% della marijuana venisse da piccoli coltivatori in casa o in serra. Anche perché la droga leggera è ammessa a livello di singoli Stati, ma non a livello federale e ogni produzione all’interno di uno Stato dev’ essere consumata solo in quei confini. Sono impossibili colture su vasta scala con smercio in tutti gli Usa.

coltivazione marijuana 3 coltivazione marijuana 3

 

L’impatto sull’ambiente è notevole. Scrive Politico: «La cannabis è coltivata con apparati d’illuminazione e sistemi di controllo ambientale progettati per massimizzare la produzione, roba che consuma 2000 Watt di elettricità per metro quadro, ben 40 volte ciò che è richiesto da verdure a foglia verde come la lattuga, quando coltivata al chiuso».

 

coltivazione marijuana 4 coltivazione marijuana 4

GLI SPRECHI Commenta Kaitlin Urso, consulente ambientale del Colorado Department of Public Health and Environment: «Per essere un’industria “verde” ci sono vari scheletri nell’armadio». Si stima che in Stati come il Massachussets la coltivazione della cannabis impegni il 10% del consumo elettrico delle aziende. E che l’energia richiesta per la produzione finale di un grammo di marijuana sia pari a quella consumata da una moderna automobile elettrica o ibrida in un tratto di 20 miglia di strada (circa 32 km).

 

coltivazione marijuana 8 coltivazione marijuana 8

Una media coltivazione indoor di cannabis consuma tanta elettricità come 14 appartamenti. In totale, l’elettricità necessaria per tutte le coltivazioni Usa di cannabis equivarrebbe all’1% dell’intero fabbisogno elettrico americano. Nell’ultimo anno la vendita di cannabis è salita del 50%, toccando 20 miliardi di dollari e dando lavoro a 80.000 persone. Alla modernizzazione delle colture con tecnologie a basso consumo si oppone la piccola scala dei produttori, che non rende remunerativo investire in impianti più efficienti, né soddisfa requisiti per incentivi pubblici. Il commercio di cannabis fra gli Stati non è legale e in ogni territorio ci sono bacini limitati, con eccezioni tipo New York coi suoi 20 milioni di abitanti.

 

marijuana legalizzata a new york marijuana legalizzata a new york

 Ma anche in tal caso, Adam Smith, direttore dell’associazione Craft Cannabis Alliance, che propugna il libero commercio della droga leggera, ammette: «A New York, con 20 milioni di persone, aumentare la produzione di cannabis con lampade e al chiuso, non è economicamente sostenibile, né competitivo, e nemmeno sano dal punto di vista ambientale». Perciò chiede la vendita interstatale, osservando: «Non puoi tenere fuori dal tuo Stato le arance della Florida o le pesche della Georgia».

 

coltivazione marijuana 6 coltivazione marijuana 6

SCORTE PER 6 ANNI Solo la libera circolazione della marjuana in tutta l’Unione ne giustificherebbe produzioni di massa ad alta efficienza. Gli scompensi hanno causato effetti curiosi. In Oregon s’ è prodotta in un anno tanta marijuana che gli abitanti dello Stato potrebbero consumarla in sei anni. E il Colorado ha un surplus che basterebbe per Los Angeles. Sovrapproduzione invenduta significa uno spreco nello spreco, in termini di risorse. Ardua sfida per Biden e i dem, che puntano alle “zero emissioni” entro il 2050. Detto in altri termini, sarebbe come dire che molti seguaci di Greta Thunberg dovrebbero preferire fumarsi foglie d’insalata anziché “cannoni”.

 

coltivazione marijuana 7 coltivazione marijuana 7

Scherzi a parte, il problema scomoda anche la politica. Un ex-candidato presidenziale dei democratici come il senatore Bernie Sanders, che pure in campagna elettorale invocava sia la liberalizzazione delle droghe, sia le politiche ambientali, ammette di non aver mai sospettato legami fra i due settori: «Onestamente non ci avevo mai pensato, non mi è famigliare la questione». Tre senatori democratici, Chuck Schumer, Ron Wyden e Cory Booker, pensano a una proposta per legalizzare la marijuana a livello federale, proprio prendendo a pretesto l’espansione del mercato in modo da efficientare le colture e renderle meno “sprecone”, ma al Congresso la proposta è stata affossata da uno scarso consenso.

coltivazione marijuana 9 coltivazione marijuana 9 fumo cannabis fumo cannabis coltivazione marijuana 1 coltivazione marijuana 1 marijuana a new york marijuana a new york spinello libero a new york spinello libero a new york marijuana marijuana homer simpson guida da strafatto homer simpson guida da strafatto marijuana libera a new york marijuana libera a new york marijuana occhi marijuana occhi coltivazione marijuana 5 coltivazione marijuana 5

 

[ad_2]

Redazione Dagospia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *